Esito del Consiglio Comunale del 02 luglio 2018

 In Castellarano, Lavori in aula

Si è tenuto lunedì 2 luglio il Consiglio Comunale, un consiglio “estivo” senza troppi intoppi.

Nove i punti all’ordine del giorno :

Come gruppo M5S di Castellarano abbiamo votato a favore per :

– la convenzione triennale con il “Coro Città di Castellarano” per sostenerne l’attività;

– il recepimento della legge regionale per la prevenzione ed il contrasto delle patologie legate al gioco d’azzardo con l’attuazione di un regolamento comunale. Gli esercizi commerciali che hanno al loro interno apparecchi per il gioco d’azzardo, sia come attività principale che come attività secondaria, dovranno essere distanti oltre 500 metri da punti sensibili. Saranno vietate le insegne luminose e la pubblicità. La lotta al gioco d’azzardo essendo una nostra battaglia sia a livello locale che a livello nazionale, siamo particolarmente soddisfatti di questa attuazione da parte del nostro Comune;

– la convenzione tra il Comune di Castellarano e la Provincia di Reggio Emilia per agevolare le tempistiche di rilascio delle licenze antisismiche;

– il prolungamento di via Cimabue a Tressano e Cà de Fii entro il 31.12.2018 per togliere il traffico pesante dal centro della frazione.

Ci siamo astenuti riguardo:

– la variazione di bilancio;

– la concessione a IREN del servizio di accertamento e riscossione coattiva dei tributi TARES e TARI . Ci è stato chiesto di valutare e di votare l’offerta a scatola chiusa senza nessun elemento di valutazione.

Unico voto contrario riguardante l’accordo con la ditta “La Rocca” per il ripristino e la rinaturalizzazione della cava omonima.

Avevamo già chiesto ed ottenuto il rinvio di questo punto lo scorso Consiglio per la mancata possibilità di potere controllare personalmente ciò che si affermava sull’accordo.

Il mancato ripristino del sito con la piantumazione di 1000 alberi previsti e la proposta di 5.590,00 € fatta dalla ditta come risarcimento compensatorio per il danno causato alla collettività non ci sembra equo.
In questo caso ci sembra che l’amministrazione comunale abbia a cuore gli interessi della ditta piuttosto che tutelare al meglio l’interesse dei suoi cittadini e del loro territorio.

Recommended Posts

Leave a Comment

Contattaci

Inviaci una mail, ti risponderemo al più presto.

Start typing and press Enter to search